Autore Topic: Gli errori della Ferrari  (Letto 143 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Sperry89

  • GP2
  • ****
  • Post: 5695
  • Grazie: 6 / 239
  • Forza Ferrari
    • Mostra profilo
  • Pilota: Vettel
  • Scuderia: Ferrari
Gli errori della Ferrari
« il: 18 Novembre 2019, 18:38:30 »
Ho aperto appositamente questo thread perchè trovo questa riflessione di una utente Ferrarista che riporto fedelmente, a mio parere molto lucida e logica.

Qui si parla degli errori commessi della Scuderia a discapito di Carletto e a favore di Vettel con i risultati che leggerete QUI.

Buona lettura

Mi ero ripromessa di realizzare un post del genere alla fine del campionato di F1, ma quello che è accaduto ieri ad Interlagos, facendomi perdere sonno e pazienza, mi ha spinto ad accelerare i tempi e a completarlo in anticipo. Si tratta di un’analisi personale, semplice e stringata, gara per gara, di quelli che ho reputato errori/mancanze della Ferrari nei confronti di uno dei suoi piloti: Charles Leclerc. La scelta del monegasco non è casuale: oltre ad essere stato il pilota più performante (dati alla mano), è quello che, dei due, ha “patito” più frequentemente gli errori o le scelte discutibili della squadra nell’arco dell’intera stagione.
Che cosa mi ha spinto a “perdere” tutto questo tempo? Passione, probabilmente. Ma, soprattutto, la sensazione, poi divenuta consapevolezza, di essere di fronte ad una delle peggiori stagioni degli ultimi 10-15 anni per quanto concerne la gestione della Squadra Corse, sotto tutti i punti di vista.
Emergerà, a mio avviso, quanto quest’anno la Ferrari sia stata imperfetta non solo dal punto di vista tecnico e velocistico, ma anche e SOPRATTUTTO sotto il profilo strategico e gestionale.
In MAIUSCOLO ho evidenziato errori/mancanze della Scuderia nei confronti del pilota, nella maggior parte dei casi, quantificabili in termini di punti persi. In maniera indicativa, ovviamente. In minuscolo, gli errori evitabili di Leclerc e le gare senza errori in generale. Ready, set, go.

GP D’AUSTRALIA: NESSUN ERRORE EVIDENTE, UN PASSO DELLE FERRARI NON ALL’ALTEZZA DEI PRIMI. TUTTAVIA, LECLERC MOSTRAVA UN RITMO ELEVATO SUL FINALE DI GARA MA LA FERRARI GLI IMPONE DI NON ATTACCARE VETTEL PER IL 4° POSTO. TEAM ORDER (ALMENO 2 PUNTI PERSI)

GP DEL BARHAIN: AL GIRO 46, LECLERC IN TESTA CON MARGINE, INIZIA A PERDERE POTENZA PER UN PROBLEMA ALLA CENTRALINA E CHIUDERÀ 3°. AFFIDABILITA’ (10 PUNTI PERSI)

GP DELLA CINA: LECLERC VIENE LASCIATO IN PISTA PIÙ A LUNGO ALLO SCOPO DI RALLENTARE LE MERCEDES E FAVORIRE VETTEL CHE, NEL FRATTEMPO, AVEVA GIÀ EFFETTUATO IL PIT STOP. STRATEGIA CHE SI RIVELA PENALIZZANTE PER IL MONEGASCO, CHE PERDERA' ANCHE IL 4° POSTO A FAVORE DI VERSTAPPEN. STRATEGIA (TRA 2 E I 5 PUNTI PERSI)

Gp dell’Azerbaijan: Errore di Charles in qualifica che gli compromette, inevitabilmente, la gara.

Gp di Spagna: nessun errore evidente, Ferrari lenta sul passo gara e mai in lotta per obiettivi importanti.

GP DI MONACO: LECLERC NON VIENE FATTO USCIRE IN TEMPO PER SEGNARE UN CRONO SICURO IN Q1 E VIENE CLAMOROSAMENTE ELIMINATO. ERRORE DEL MURETTO (GARA TOTALMENTE COMPROMESSA, PARTENDO DAL FONDO. PERSI DAI 10 AI 15 PUNTI)

Gp del Canada: nessun errore

Gp di Francia: nessun errore

Gp d’Austria: nessun errore

GP DI SILVERSTONE: ENTRA LA SAFETY CAR PER L’USCITA DI PISTA DI ANTONIO GIOVINAZZI, MENTRE LA RB HA SUBITO RICHIAMATO AI BOX VERSTAPPEN, LA FERRARI HA ATTESO UN GIRO IN PIÙ, FACENDO PRECIPITARE LECLERC DAL TERZO AL SESTO POSTO, DIETRO ANCHE VETTEL E GASLY. LECLERC RECUPERERÀ POI IL TERZO POSTO GRAZIE AD UN SORPASSO SU GASLY E ALLA COLLISIONE TRA VERSTAPPEN E VETTEL. IN OGNI CASO, ERRORE DEL MURETTO

GP DI GERMANIA: errore di Charles in gara in condizioni di pista bagnata e ritiro. DA SEGNALARE, PERÒ, UN PROBLEMA AL MOTORE DURANTE LE QUALIFICHE CHE COSTRINGERÀ LECLERC A PARTIRE IN 10° POSIZIONE. AFFIDABILITA’

GP D’UNGHERIA: ANCORA UNA VOLTA, PER LECLERC, STRATEGIA MENO PERFORMANTE CHE GLI COSTA IL PODIO SUL FINALE A VANTAGGIO DEL SUO COMPAGNO DI SCUDERIA CHE LO SUPERA CON GOMME SOFT. STRATEGIA (3 PUNTI PERSI)

Gp del Belgio: nessun errore. Vittoria

Gp d’Italia: nessun errore. Vittoria

GP DI SINGAPORE: LECLERC PARTE DALLA POLE. LA FERRARI GIOCA DI SQUADRA MA SACRIFICA LA SUA VITTORIA PER UNA DOPPIETTA. STRATEGIA (8 PUNTI PERSI)

GP DI RUSSIA: LECLERC PARTE NUOVAMENTE DALLA POLE. LA FERRARI SI IMPONE CON UN ORDINE DI SCUDERIA FIN DALLA PARTENZA: A LECLERC VIENE DETTO DI CEDERE SCIA E POSIZIONE A VETTEL CHE POI, SECONDO I PATTI, AVREBBE DOVUTO RESTITUIRLA. IL TEDESCO NON LO FARÀ MAI E, RITIRANDOSI POCO DOPO PER UN GUASTO AL MOTORE, CAUSERÀ UNA SC IN PISTA CHE PONE FINE ALLE SPERANZE DI CHARLES DI RESTARE IN TESTA ALLA GARA. TEAM ORDER/STRATEGIA (PERSI DAI 3 AI 10 PUNTI)

Gp del Giappone: Errore di Charles, contatto con Verstappen al primo giro.

GP DEL MESSICO: ENNESIMA STRATEGIA SBAGLIATA SUL MONEGASCO CON L’INTENTO DI MARCARE ALBON (!!). LECLERC DA 1° SI RITROVA IN 4° POSIZIONE. ERRATA ANCHE LA SCELTA DELLA GOMMA MEDIA RISPETTO A QUELLA HARD, DOPO LA PRIMA SOSTA. IN AGGIUNTA, ERRORE AL PIT STOP. STRATEGIA + PIT STOP (PERSI DAI 3 AI 13 PUNTI)

GP DELLE AMERICHE: SULLA FERRARI N° 16 SI VERIFICA UN PROBLEMA AL MOTORE DURANTE LE PL3. GLI VIENE MONTATO UN MOTORE VECCHIO, QUASI A FINE VITA, SPECIFICA 2. IN GARA, ENNESIMO ERRORE AL PIT STOP, STESSA DINAMICA DI QUELLO IN MESSICO. AFFIDABILITA’ + PIT STOP (SENZA CONSEGUENZE, DATO IL PASSO GARA LENTO)

GP DEL BRASILE: PER CHARLES, SI PROSPETTA LA SOSTITUZIONE DEL MOTORE E 10 POSIZIONI DI PENALITÀ IN GRIGLIA (PARTIRÀ 14ESIMO). RITIRO IN GARA A CAUSA DI UN CONTATTO CON VETTEL. A MIO AVVISO, IN PARTE, ERRORE DEL MURETTO PER UNA NON OTTIMALE GESTIONE DEI PILOTI IN OTTICA DI CLASSIFICA MONDIALE A DUE GARE DALLA FINE (PERSI DAI 12 AI 18 PUNTI).

Alla luce di tutto questo MAIUSCOLO, si evince come la squadra abbia commesso diversi errori, di ogni tipo e peso, sparsi per tutto l’arco della stagione. 3, invece, sono stati gli errori evidenti ed evitabili del giovane pilota monegasco. E’plausibile che Charles potesse fare un po’ meglio nelle prime gare, ma penso si debba tener conto del fatto che fosse alle sue prime gare in Ferrari e ad un anno appena dall’esordio in F1. Si trovava, come lui stesso ha precisato, in una fase “conoscitiva” e di adattamento. Nonostante l’inesperienza e la giovane età, non è stato lui a commettere più errori quest’anno. Facendo un calcolo approssimativo, non è difficile notare come, senza tutti questi sbagli/mancanze o comunque con molti meno sbagli, Charles sarebbe ora comodamente terzo in classifica, se non addirittura a far compagnia a Bottas. Invece, tra i top drivers, è quello che ha “subito” maggiormente errori/mancanze della propria squadra.
Spero di non essere fraintesa, Charles è nella scuderia giusta, il sogno di ogni pilota, anche di chi non lo dice. Questo post era semplicemente finalizzato a mostrare quanto (e su quanti fronti!) in Ferrari dovranno lavorare e migliorare per evitare il ripetersi di simili stagioni in futuro. Perché ad oggi, Hamilton e Verstappen saranno anche più forti ed esperti di Leclerc, ma sono anche supportati da squadre superiori sotto il profilo sia tecnico che gestionale.

Commenti?
Charles Leclerc è il Predestinato Futuro Campione della Ferrari.

Campione Pronostici 2016

Offline Wing_Zero

  • La vecchia guardia Forum F1
  • Formula 3
  • ***
  • Post: 1559
  • Grazie: 111 / 164
    • Mostra profilo
  • Pilota: Kubica
  • Scuderia: Ferrari
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #1 il: 18 Novembre 2019, 20:21:14 »
Ho aperto appositamente questo thread perchè trovo questa riflessione di una utente Ferrarista che riporto fedelmente, a mio parere molto lucida e logica.

Qui si parla degli errori commessi della Scuderia a discapito di Carletto e a favore di Vettel con i risultati che leggerete QUI.

Buona lettura

Mi ero ripromessa di realizzare un post del genere alla fine del campionato di F1, ma quello che è accaduto ieri ad Interlagos, facendomi perdere sonno e pazienza, mi ha spinto ad accelerare i tempi e a completarlo in anticipo. Si tratta di un’analisi personale, semplice e stringata, gara per gara, di quelli che ho reputato errori/mancanze della Ferrari nei confronti di uno dei suoi piloti: Charles Leclerc. La scelta del monegasco non è casuale: oltre ad essere stato il pilota più performante (dati alla mano), è quello che, dei due, ha “patito” più frequentemente gli errori o le scelte discutibili della squadra nell’arco dell’intera stagione.
Che cosa mi ha spinto a “perdere” tutto questo tempo? Passione, probabilmente. Ma, soprattutto, la sensazione, poi divenuta consapevolezza, di essere di fronte ad una delle peggiori stagioni degli ultimi 10-15 anni per quanto concerne la gestione della Squadra Corse, sotto tutti i punti di vista.
Emergerà, a mio avviso, quanto quest’anno la Ferrari sia stata imperfetta non solo dal punto di vista tecnico e velocistico, ma anche e SOPRATTUTTO sotto il profilo strategico e gestionale.
In MAIUSCOLO ho evidenziato errori/mancanze della Scuderia nei confronti del pilota, nella maggior parte dei casi, quantificabili in termini di punti persi. In maniera indicativa, ovviamente. In minuscolo, gli errori evitabili di Leclerc e le gare senza errori in generale. Ready, set, go.

GP D’AUSTRALIA: NESSUN ERRORE EVIDENTE, UN PASSO DELLE FERRARI NON ALL’ALTEZZA DEI PRIMI. TUTTAVIA, LECLERC MOSTRAVA UN RITMO ELEVATO SUL FINALE DI GARA MA LA FERRARI GLI IMPONE DI NON ATTACCARE VETTEL PER IL 4° POSTO. TEAM ORDER (ALMENO 2 PUNTI PERSI)

GP DEL BARHAIN: AL GIRO 46, LECLERC IN TESTA CON MARGINE, INIZIA A PERDERE POTENZA PER UN PROBLEMA ALLA CENTRALINA E CHIUDERÀ 3°. AFFIDABILITA’ (10 PUNTI PERSI)

GP DELLA CINA: LECLERC VIENE LASCIATO IN PISTA PIÙ A LUNGO ALLO SCOPO DI RALLENTARE LE MERCEDES E FAVORIRE VETTEL CHE, NEL FRATTEMPO, AVEVA GIÀ EFFETTUATO IL PIT STOP. STRATEGIA CHE SI RIVELA PENALIZZANTE PER IL MONEGASCO, CHE PERDERA' ANCHE IL 4° POSTO A FAVORE DI VERSTAPPEN. STRATEGIA (TRA 2 E I 5 PUNTI PERSI)

Gp dell’Azerbaijan: Errore di Charles in qualifica che gli compromette, inevitabilmente, la gara.

Gp di Spagna: nessun errore evidente, Ferrari lenta sul passo gara e mai in lotta per obiettivi importanti.

GP DI MONACO: LECLERC NON VIENE FATTO USCIRE IN TEMPO PER SEGNARE UN CRONO SICURO IN Q1 E VIENE CLAMOROSAMENTE ELIMINATO. ERRORE DEL MURETTO (GARA TOTALMENTE COMPROMESSA, PARTENDO DAL FONDO. PERSI DAI 10 AI 15 PUNTI)

Gp del Canada: nessun errore

Gp di Francia: nessun errore

Gp d’Austria: nessun errore

GP DI SILVERSTONE: ENTRA LA SAFETY CAR PER L’USCITA DI PISTA DI ANTONIO GIOVINAZZI, MENTRE LA RB HA SUBITO RICHIAMATO AI BOX VERSTAPPEN, LA FERRARI HA ATTESO UN GIRO IN PIÙ, FACENDO PRECIPITARE LECLERC DAL TERZO AL SESTO POSTO, DIETRO ANCHE VETTEL E GASLY. LECLERC RECUPERERÀ POI IL TERZO POSTO GRAZIE AD UN SORPASSO SU GASLY E ALLA COLLISIONE TRA VERSTAPPEN E VETTEL. IN OGNI CASO, ERRORE DEL MURETTO

GP DI GERMANIA: errore di Charles in gara in condizioni di pista bagnata e ritiro. DA SEGNALARE, PERÒ, UN PROBLEMA AL MOTORE DURANTE LE QUALIFICHE CHE COSTRINGERÀ LECLERC A PARTIRE IN 10° POSIZIONE. AFFIDABILITA’

GP D’UNGHERIA: ANCORA UNA VOLTA, PER LECLERC, STRATEGIA MENO PERFORMANTE CHE GLI COSTA IL PODIO SUL FINALE A VANTAGGIO DEL SUO COMPAGNO DI SCUDERIA CHE LO SUPERA CON GOMME SOFT. STRATEGIA (3 PUNTI PERSI)

Gp del Belgio: nessun errore. Vittoria

Gp d’Italia: nessun errore. Vittoria

GP DI SINGAPORE: LECLERC PARTE DALLA POLE. LA FERRARI GIOCA DI SQUADRA MA SACRIFICA LA SUA VITTORIA PER UNA DOPPIETTA. STRATEGIA (8 PUNTI PERSI)

GP DI RUSSIA: LECLERC PARTE NUOVAMENTE DALLA POLE. LA FERRARI SI IMPONE CON UN ORDINE DI SCUDERIA FIN DALLA PARTENZA: A LECLERC VIENE DETTO DI CEDERE SCIA E POSIZIONE A VETTEL CHE POI, SECONDO I PATTI, AVREBBE DOVUTO RESTITUIRLA. IL TEDESCO NON LO FARÀ MAI E, RITIRANDOSI POCO DOPO PER UN GUASTO AL MOTORE, CAUSERÀ UNA SC IN PISTA CHE PONE FINE ALLE SPERANZE DI CHARLES DI RESTARE IN TESTA ALLA GARA. TEAM ORDER/STRATEGIA (PERSI DAI 3 AI 10 PUNTI)

Gp del Giappone: Errore di Charles, contatto con Verstappen al primo giro.

GP DEL MESSICO: ENNESIMA STRATEGIA SBAGLIATA SUL MONEGASCO CON L’INTENTO DI MARCARE ALBON (!!). LECLERC DA 1° SI RITROVA IN 4° POSIZIONE. ERRATA ANCHE LA SCELTA DELLA GOMMA MEDIA RISPETTO A QUELLA HARD, DOPO LA PRIMA SOSTA. IN AGGIUNTA, ERRORE AL PIT STOP. STRATEGIA + PIT STOP (PERSI DAI 3 AI 13 PUNTI)

GP DELLE AMERICHE: SULLA FERRARI N° 16 SI VERIFICA UN PROBLEMA AL MOTORE DURANTE LE PL3. GLI VIENE MONTATO UN MOTORE VECCHIO, QUASI A FINE VITA, SPECIFICA 2. IN GARA, ENNESIMO ERRORE AL PIT STOP, STESSA DINAMICA DI QUELLO IN MESSICO. AFFIDABILITA’ + PIT STOP (SENZA CONSEGUENZE, DATO IL PASSO GARA LENTO)

GP DEL BRASILE: PER CHARLES, SI PROSPETTA LA SOSTITUZIONE DEL MOTORE E 10 POSIZIONI DI PENALITÀ IN GRIGLIA (PARTIRÀ 14ESIMO). RITIRO IN GARA A CAUSA DI UN CONTATTO CON VETTEL. A MIO AVVISO, IN PARTE, ERRORE DEL MURETTO PER UNA NON OTTIMALE GESTIONE DEI PILOTI IN OTTICA DI CLASSIFICA MONDIALE A DUE GARE DALLA FINE (PERSI DAI 12 AI 18 PUNTI).

Alla luce di tutto questo MAIUSCOLO, si evince come la squadra abbia commesso diversi errori, di ogni tipo e peso, sparsi per tutto l’arco della stagione. 3, invece, sono stati gli errori evidenti ed evitabili del giovane pilota monegasco. E’plausibile che Charles potesse fare un po’ meglio nelle prime gare, ma penso si debba tener conto del fatto che fosse alle sue prime gare in Ferrari e ad un anno appena dall’esordio in F1. Si trovava, come lui stesso ha precisato, in una fase “conoscitiva” e di adattamento. Nonostante l’inesperienza e la giovane età, non è stato lui a commettere più errori quest’anno. Facendo un calcolo approssimativo, non è difficile notare come, senza tutti questi sbagli/mancanze o comunque con molti meno sbagli, Charles sarebbe ora comodamente terzo in classifica, se non addirittura a far compagnia a Bottas. Invece, tra i top drivers, è quello che ha “subito” maggiormente errori/mancanze della propria squadra.
Spero di non essere fraintesa, Charles è nella scuderia giusta, il sogno di ogni pilota, anche di chi non lo dice. Questo post era semplicemente finalizzato a mostrare quanto (e su quanti fronti!) in Ferrari dovranno lavorare e migliorare per evitare il ripetersi di simili stagioni in futuro. Perché ad oggi, Hamilton e Verstappen saranno anche più forti ed esperti di Leclerc, ma sono anche supportati da squadre superiori sotto il profilo sia tecnico che gestionale.

Commenti?

Post stupendo! Complimenti sperry per l'analisi del mondiale e di ogni gara.
Ho avuto un paio di infarti leggendolo, ma cmq ne è valsa la pena!

Offline Sperry89

  • GP2
  • ****
  • Post: 5695
  • Grazie: 6 / 239
  • Forza Ferrari
    • Mostra profilo
  • Pilota: Vettel
  • Scuderia: Ferrari
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #2 il: 18 Novembre 2019, 20:51:01 »
Tengo a ribadire che è un post trovato in rete di una utente ferrarista.

Io condivido ogni singola lettera
Charles Leclerc è il Predestinato Futuro Campione della Ferrari.

Campione Pronostici 2016

Offline Capozz

  • La vecchia guardia Forum F1
  • F1
  • ***
  • Post: 7847
  • Grazie: 71 / 394
    • Mostra profilo
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #3 il: 18 Novembre 2019, 22:11:59 »
Già. Tantissimi errori commessi dalla Ferrari, spesso e volentieri proprio a discapito di Leclerc.

Offline Top Fuel

  • GP3
  • *****
  • Post: 3904
  • Grazie: 171 / 239
  • Ce la farò.
    • Mostra profilo
  • Pilota: John Force
  • Scuderia: Ferrari
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #4 il: 18 Novembre 2019, 22:40:59 »
Commenti?
E quali, non c'è niente da aggiungere.
Dear youtube administrators, your search bar is broken. When I type the letter "J" it appears justin bieber when it should appear Jimi Hendrix. Fix this, please.

Offline tylermets

  • Formula Renault
  • ****
  • Post: 853
  • Grazie: 6 / 65
    • Mostra profilo
  • Pilota: Martin Truex Jr
  • Scuderia: Ferrari
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #5 il: 19 Novembre 2019, 14:47:56 »
personalmente aggiungo che da quando il secondo posto é sicuro, é inutile fare giochi di squadra per qualche punto in piú. questa era la situazione in brasile. da tifoso mi dispiace per il doppio ritiro e per come é avvenuto, ma dal punto di vista della Scuderia non vedo errori nel lasciare liberi i piloti di correre quando il risultato nel costruttori é acquisito.

trovo piú preoccupante quando la Scuderia dice qualcosa e il pilota o i piloti non seguono le indicazioni. tipo Vettel in Russia. se il team ti dice una cosa la fai e riga, puoi essere Vettel o Ocon, esegui, poi se non ti va bene trovi un altro team che ti paga 40 milioni all'anno per fare cazzate un GP su 2. lo stesso vale per leclerc, e forse anche di piú perché al primo anno, se ti dicono di fare una cosa la fai, non ti "apri" in radio lamentandoti, dicendo di non capire o altro. fai e poi a bocce ferme discuti.

quindi per me in brasile 0 errori del team, ma troppa voglia di rivaleggiare tra i due piloti come se ci fosse da dimostrare chi ce l'ha piú grosso.

Offline apix_1024

  • La vecchia guardia Forum F1
  • GP2
  • ***
  • Post: 5443
  • Grazie: 4551 / 279
  • I cv non sono mai abbastanza!
    • Mostra profilo
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #6 il: 19 Novembre 2019, 15:24:37 »
il secondo posto se avessero puntato su Carletto era assicurato (53 - 84 punti persi)!
perchè i punti persi li hanno presi mediamente bottas, verstappen e Vettel  :roll:
null'altro da aggiungere!  :pua:
« Ultima modifica: 19 Novembre 2019, 15:30:10 da apix_1024 »
perchè 109 è meglio di 108 :asd:    Dai del gaaas

Offline Capozz

  • La vecchia guardia Forum F1
  • F1
  • ***
  • Post: 7847
  • Grazie: 71 / 394
    • Mostra profilo
Re:Gli errori della Ferrari
« Risposta #7 il: 19 Novembre 2019, 15:43:55 »
personalmente aggiungo che da quando il secondo posto é sicuro, é inutile fare giochi di squadra per qualche punto in piú. questa era la situazione in brasile. da tifoso mi dispiace per il doppio ritiro e per come é avvenuto, ma dal punto di vista della Scuderia non vedo errori nel lasciare liberi i piloti di correre quando il risultato nel costruttori é acquisito.

trovo piú preoccupante quando la Scuderia dice qualcosa e il pilota o i piloti non seguono le indicazioni. tipo Vettel in Russia. se il team ti dice una cosa la fai e riga, puoi essere Vettel o Ocon, esegui, poi se non ti va bene trovi un altro team che ti paga 40 milioni all'anno per fare cazzate un GP su 2. lo stesso vale per leclerc, e forse anche di piú perché al primo anno, se ti dicono di fare una cosa la fai, non ti "apri" in radio lamentandoti, dicendo di non capire o altro. fai e poi a bocce ferme discuti.

quindi per me in brasile 0 errori del team, ma troppa voglia di rivaleggiare tra i due piloti come se ci fosse da dimostrare chi ce l'ha piú grosso.

Verissimo. Il pilota deve stare al suo posto, però sta anche al team far sì che ci rimanga... se gli ordini di scuderia vengono disattesi ma non vengono comminate sanzioni succede il patatrac.