Autore Topic: Tecnica a 2 ruote  (Letto 2375 volte)

0 Utenti e 1 Visitatore stanno visualizzando questo topic.

Offline Darth "Turbo" Platypus

  • Triumviro
  • F1
  • *
  • Post: 18654
  • Grazie: 714 / 525
  • Passa al lato oscuro Nikka è una bravissima cuoca!
    • Mostra profilo
Tecnica a 2 ruote
« il: 19 Giugno 2011, 14:08:26 »
Post di servizio
« Ultima modifica: 23 Giugno 2011, 21:37:28 da Pecorella Regnante »
Forum F1
Corsini, prova a chiudere questo

Quando la forza il culo contrasta, vince il culo e la forza non basta

Offline Darth "Turbo" Platypus

  • Triumviro
  • F1
  • *
  • Post: 18654
  • Grazie: 714 / 525
  • Passa al lato oscuro Nikka è una bravissima cuoca!
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #1 il: 19 Giugno 2011, 14:10:57 »
Prendo spunto dal post di Slayer

Via il traliccio di tubi ed introduzione i una soluzione analoga a quella sviluppata per la motogp con motore portante e telaio moscocca in carbonio, questo farà risparmire parecchio peso!

Per chiedervi quali sono le principali differenze tra i due modelli?
Io sapevo che il telaio in traliccio fosse un must della Ducati, come anche il motore ad L

Non avremo più quindi un motore disposto ad L con il cilindro forntale perfettamente paralleo al terreno ma avremo una V di 90°

come mai questi 2 cambi di rotta?
Forum F1
Corsini, prova a chiudere questo

Quando la forza il culo contrasta, vince il culo e la forza non basta

Offline Darth "Turbo" Platypus

  • Triumviro
  • F1
  • *
  • Post: 18654
  • Grazie: 714 / 525
  • Passa al lato oscuro Nikka è una bravissima cuoca!
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #2 il: 19 Giugno 2011, 14:32:16 »
articolo un po' datato:

Citazione
SUPERBIKE: DUCATI, LA FINE DEL TELAIO A TRALICCIO E' VICINA?



Si avvicina forse la fine di un era per la Ducati in superbike? Sommando le voci che corrono in superbike e motogp sembra proprio di si. Il telaio a traliccio, simbolo nel mondo delle corse della moto bolognese, prima è sparito dalla motogp sostituito da un monoscocca in carbonio che funge anche da airbox e nel 2012 potrebbe sparire con la nuova 1198 anche in superbike. A farlo intendente è il team manager Ducati Ernesto Marinelli...

A questa "voce" aggiungiamo che la Ducati ha brevettato, con lo scopo evidentemente di industrializzarlo, il telaio monoscocca della Desmosedici GP10, 1+1 fa 2 come i cilindri della rossa di Borgo Panigale.

(in foto, segnalato dal circoletto rosso, il telaio monoscocca che funge da airbox. In questo tipo di soluzione ciclistica il motore è parte stressata e funge da collegamento fra il retrotreno e l' avantreno come farebbe un normale telaio. Il forcellone è infulcrato direttamente nel carter motore. Questa caratteristica ha il pregio di "usare" il motore come parte "attiva" e non solo "passiva" dell' insieme moto-telaio, anzi, il motore è il telaio stesso. Abbiamo un risparmio di peso notevole e un numero minore di parti da costruire e modificare. Nelle Ducati di serie il motore sostiene il telaio e viceversa quindi si parla di parte "funzionale" del complesso motore-telaio. Anche di serie il forcellone è infulcrato nel carter.)

Sempre dalla foto possiamo notare come il motore non è "coricato" come nelle superbike ovvero il cilindro orizzontale non è parallelo al terreno. In questo caso il motore è leggermene inclinato (il cilindro posteriore è orientato verso la ruota posteriore), questo posizionamento ha permesso di creare una moto leggermente più corta come interasse e ha permesso di costruire radiatori con una superfice più ampia. Nelle superbike come anche nelle moto di serie, il cilindro orizzontale è parallelo al terreno come si è detto, questo posizionamento (che a me personalmente non piace), abbassa moltissimo il baricentro della moto ma la rende lunga a livello di interasse, quindi molto stabile ma poco maneggevole. Dato il posizionamento non coricato si parla di motore a  V di 90° grandi e non ad L di 90° come sulle superbike bolognesi. Da non dimenticare, per evitare confusioni, che il motore Ducati della motogp è un V4 mentre quello da superbike è un V2.
Forum F1
Corsini, prova a chiudere questo

Quando la forza il culo contrasta, vince il culo e la forza non basta

Offline Slayer86

  • La vecchia guardia Forum F1
  • Formula Renault
  • **
  • Post: 616
  • Grazie: 10 / 7
  • ...
    • Mostra profilo
    • TwoTreesLongboard
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #3 il: 19 Giugno 2011, 14:39:14 »
il motore a V anzichè ad L è tutto sommato un NON cambiamento, ovvero il motore rimarrà sempre uguale solo che disponendolo a V si risparmierà dello spazio sull'anteriore e si potrà diminuire l'inclinazione della forcella, questo dovrebbe rendere la moto molto più agile e rapida!


Per quanto riguarda il telaio, diciamo che il traliccio di tubi faceva le veci dei tradizionali telai in aluminio delle altre moto! Il monoscocca in carbonio è una scatola.... niente di più che deve solamente unire il canotto di sterzo con il motore!!! essendo cavo all'interno poi fa anche le veci dell'air-box... questo comporta una rigidità estema dell'intera struttura, visto che il motore è il fulcro centrale della struttura e credo proprio sia molto meno deformabile rispetto ad una struttura in aluminio! :D
Se mettiamo insieme le nuove quote ciclistiche della moto con una estrema rigidità potrebbe venire fuori un mostro da gp!!!
A patto che non debba guidare Lamentino  :asd:


Aggiungo un'ultimo appunto... la tecnica si evolve... per continuare a vincere è opportuno saper mandare in pensione le tradizinoni... poi è chiato il monster continuerà ad avere il traliccio, motore ad L raffreddato ad aria... ma le SBK devono essere un'altra cosa!!!
« Ultima modifica: 19 Giugno 2011, 14:41:23 da Slayer86 »
Seguite le nostre avventure in longboard!
http://www.twotreeslongboard.com

Offline Darth "Turbo" Platypus

  • Triumviro
  • F1
  • *
  • Post: 18654
  • Grazie: 714 / 525
  • Passa al lato oscuro Nikka è una bravissima cuoca!
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #4 il: 20 Giugno 2011, 10:49:30 »
mmh..
non so perchè, ma il telaio con motore portante mi sembrava un'idea che comportava un eccessivo stress per il motore, oltre che una problematica riguardante la trasmissione delle vibrazioni all'intero telaio...
Forum F1
Corsini, prova a chiudere questo

Quando la forza il culo contrasta, vince il culo e la forza non basta

Offline aviatore_gilles

  • La vecchia guardia Forum F1
  • F1
  • *
  • Post: 6855
  • Grazie: 97 / 524
  • Fondamentalmente inutile
    • Mostra profilo
  • Pilota: Gilles Villeneuve
  • Scuderia: Ferrari
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #5 il: 20 Giugno 2011, 10:56:16 »
Al momento il motore portante non ha portato particolari vantaggi, anzi, ha creato più di qualche grattacapo.
Anche Stoner non si è trovato particolarmente a proprio agio con questa soluzione. Qualche gara vinta, ma niente di più.
Sono un po' scettico davanti a questa soluzione. Spero che Preziosi mi smentisca clamorosamente.
Raven è ottimista :O

Offline Darth "Turbo" Platypus

  • Triumviro
  • F1
  • *
  • Post: 18654
  • Grazie: 714 / 525
  • Passa al lato oscuro Nikka è una bravissima cuoca!
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #6 il: 20 Giugno 2011, 11:01:00 »
Al momento il motore portante non ha portato particolari vantaggi, anzi, ha creato più di qualche grattacapo.
Anche Stoner non si è trovato particolarmente a proprio agio con questa soluzione. Qualche gara vinta, ma niente di più.
Sono un po' scettico davanti a questa soluzione. Spero che Preziosi mi smentisca clamorosamente.
 


ad esempio?
Forum F1
Corsini, prova a chiudere questo

Quando la forza il culo contrasta, vince il culo e la forza non basta

Offline aviatore_gilles

  • La vecchia guardia Forum F1
  • F1
  • *
  • Post: 6855
  • Grazie: 97 / 524
  • Fondamentalmente inutile
    • Mostra profilo
  • Pilota: Gilles Villeneuve
  • Scuderia: Ferrari
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #7 il: 20 Giugno 2011, 12:03:36 »
Basta vedere i risultati di Stoner, che dal 2009 era diventato più incostante.
Lo stesso Stoner rimarcava una mancanza di feeling con l'anteriore.
Raven è ottimista :O

Offline Bik

  • La vecchia guardia Forum F1
  • GP3
  • *
  • Post: 2096
  • Grazie: 516 / 167
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #8 il: 20 Giugno 2011, 15:53:52 »
Il problema del motore portante è che è eccessivamente rigido.
I telai deltabox sono rigidi verticalmente ma hanno una relativa flessibilità laterale, questo perchè, a moto inclinata, parte delle sconnessioni viene assorbita dal telaio.
Con la soluzione a motore portante questo è rigido e la flessibilità viene scaricata sul telaio, che è più corto, quindi è più difficile renderlo rigido verticalmente e flessibile lateralmente.
Comunque, su questo punto, passando dal traliccio in acciaio al carbonio (con la monoscocca in alluminio provata e scartata) hanno migliorato, con una maggiore conoscenza sulle strutture composite possono egualiare i telai deltabox in alluminio.
Questo in soldoni, se qualcuno più preparato di me può puntualizzare è bene accetto  :D
 
P.S. sarebbe interessante anche una spiegazione sul cambio quick shift della Honda.
58  Marco nel cuore  58
Meglio essere folle per proprio conto che saggio con le opinioni altrui - F. Nietzsche
Le opinioni sono come le palle. Ognuno ha le sue - Clint Eastwood
Non ti fidare mai, non sono gli uomini a tradire sai, ma i loro guai - Vasco Rossi

Offline Slayer86

  • La vecchia guardia Forum F1
  • Formula Renault
  • **
  • Post: 616
  • Grazie: 10 / 7
  • ...
    • Mostra profilo
    • TwoTreesLongboard
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #9 il: 20 Giugno 2011, 15:58:03 »
il quick shift Honda non è un cambio a doppia frizione???
Cmq il monoscocca in carbonio se lo portano anche in sbk significa che sono certi del passo avanti! In ducati non sono cretini, al contrario della ferrari (mi echeggia ancora in testa il "faremo un'auto estrema" del dopo stadione scorsa)
Seguite le nostre avventure in longboard!
http://www.twotreeslongboard.com

Offline Bik

  • La vecchia guardia Forum F1
  • GP3
  • *
  • Post: 2096
  • Grazie: 516 / 167
    • Mostra profilo
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #10 il: 20 Giugno 2011, 17:13:51 »
Il quick shift non è a doppia frizione.
Per le poche informazioni che ho dovrebbe funzionare come i cambi delle attuali F1, cioè avere due marce innestate contemporaneamente di cui solo una in presa completa.
Per il carbonio è una evoluzione del telaio a traliccio d'acciaio, è la strada da percorrere, visto che sul deltabox i giappi sono molto più avanti della Ducati, solo Aprilia può avere esperienze simili in questo campo.
58  Marco nel cuore  58
Meglio essere folle per proprio conto che saggio con le opinioni altrui - F. Nietzsche
Le opinioni sono come le palle. Ognuno ha le sue - Clint Eastwood
Non ti fidare mai, non sono gli uomini a tradire sai, ma i loro guai - Vasco Rossi

Offline aviatore_gilles

  • La vecchia guardia Forum F1
  • F1
  • *
  • Post: 6855
  • Grazie: 97 / 524
  • Fondamentalmente inutile
    • Mostra profilo
  • Pilota: Gilles Villeneuve
  • Scuderia: Ferrari
Re:Tecnica a 2 ruote
« Risposta #11 il: 20 Giugno 2011, 17:22:04 »
il quick shift Honda non è un cambio a doppia frizione???
Cmq il monoscocca in carbonio se lo portano anche in sbk significa che sono certi del passo avanti! In ducati non sono cretini, al contrario della ferrari (mi echeggia ancora in testa il "faremo un'auto estrema" del dopo stadione scorsa)



Di certo non ho le competenze per andare contro i progettisti Ducati. :D Se lo portano avanti evidentemente ci credono.
Ho descritto le mie sensazioni, oltre che comparando i risultati ottenuti.
I risultati parlano di una moto eccessivamente rigida (infatti credo che Rossi abbia chiesto di rendere più flessibile il telaio), con un inserimento e una percorrenza in curva che non trasmette le giuste sensazioni.
Ovviamente non potevano andare avanti col traliccio, sarebbe stato anacronistico.
Raven è ottimista :O